Per non farci mancare niente, facciamo quattro…

21 maggio 2010

Ecco, possiamo dire che per ora siamo al completo?

Oggi ultima puntura per Crodino, per Husky si va di Bimixin mattino e sera per cinque giorni invece di tre, dato che un giorno non si è presentato all’appello e ha saltato la dose, per Grisù un quarto di pastiglia di Plasil mattino e sera per tre giorni, e il veterinario dice di tenerlo in casa perchè il Plasil sui gatti fa effetto droga, e potrebbe essere un po’ strano…

Il grosso problema in questi casi è che si dovrebbero isolare uno dall’altro per vedere chi ha la nausea, chi è che vomita, chi è che caga e come la fa… ma come si fa avendo una sola casa a disposizione (se io non sono presente la mia è impensabile con tutti quei cavi e i computer, si rischia che mi distruggono tutto e si distruggono loro…), come caspita si fa se non si decidono a star male uno per volta?

Stamattina grande e penosa coda dal veterinario… operazione di sterilizzazione di una cagnetta in corso, vari gatti con altrettanto vari accidenti, entra un pastore tedesco trascinato perchè non sta più in piedi, se la fa addosso e non è più in grado di vivere decentemente in modo autosufficiente, e ne esce solo il padrone piangendo, poi arrivano quelli del cassone e si portano via il cane…

Fatta iniezione a Crodino, e per buona misura anche una a Grisù… ora che passo dalla mia dottoressa, faccio benzina e vado in farmacia si fa mezzogiorno, per cui avviso in teatro che per oggi non vado (ho appuntamento più tardi dal dentista), e arrivata a casa mi metto a far giocare Husky col suo cordino in cortile, e intanto continuo a chiamare Piumina, che contrariamente alle sue abitudini ieri sera non si è fatta vedere, né stamattina, né prima che andassi via.

Dopo un po’ la vedo arrivare, tutta piena di foglie secche e bruscolini, ma fin qui tutto normale per la soprannominata “Patty” (pattumiera) che si rotola ovunque e raccatta qualsiasi cosa con il suo pelo lungo… ma arriva lentissimamente, e anche se la guardo e la chiamo di nuovo non aumenta l’andatura ed è visibilmente abbacchiata.

Appena mi arriva vicino la prendo in braccio, lei si accuccia e appena le tocco la pancia si lamenta e intanto lascia andare una pozzetta di pipì e sangue… messa subito in garage dove lei si infila in una cesta, poi traslocato cesta in casa e messo coperta perchè non vada in ipotermia, intanto rimando gli altri impegni a parte il dentista e telefono al veterinario e a Dana.

Il veterinario in pausa pranzo è fuori Torino, e va bene se apre come di norma alle quattro e mezza, Dana fa quel che può per venire a casa a prendere Piumi e portarla in ambulatorio, nel frattempo Piumi non è del tutto apatica, dopo un po’ di carezze scodinzola come suo solito (no, non è un cane, ma lei fa così), le viene lo stimolo e si alza per andare nella cassettina, ma lì fa poche gocce sanguinanti… vediamo cosa dice il veterinario, le sue prime ipotesi al telefono sono di cistite emorragica o trauma alla vescica… :( :(

Cla.

Non c’è l’uno senza il due, e pure il tre

17 maggio 2010

Visto che le disgrazie non vengono mai sole, a Crodino si è aggiunto Husky a fare il cagone, e Grisù con il vomito… così portato ad esaminare anche le feci di Husky, e portato Grisù a bucare…

Husky a parte il cagotto pare star bene, gioca ci e stressa con il cordino, mentre Grisù è mogio mogio.

Dall’esame iniziale delle feci non è apparso nulla, quindi il veterinario dice che si dovrà passare ad una “coprocoltura”, una coltura di merda, insomma… e ci vogliono almeno tre giorni per sapere qualcosa.

Intanto si sono fatte sentire le padrone di Crodino/Virgola, logicamente pur avendolo visto dimagrire non capiscono che un gatto possa avere problemi del genere, e sembrano perplesse riguardo al fatto che lo stiamo “tenendo” noi, addirittura le bambine hanno paura che non glielo restituiamo più… come si fa a farle entrare nell’ordine di idee, che se non lo teniamo rinchiuso in casa non possiamo tenerlo sotto controllo e neppure fare la cura regolare come invece si deve fare?

Per ora continuiamo a tenerlo segregato, speriamo che entro questa settimana si risolva.

Tra l’altro, Dana aveva parlato con la veterinaria dell’Enpa per la sterilizzazione, che prima non aveva posto, e comunque essendo “malato” non poteva fare nessun intervento, poi il posto ce l’aveva ma comunque è ancora malato, e andare oltre non possiamo per non far dubitare di chissà cosa le padrone :(

Vuol dire che glielo restituiremo appena possibile, e per la sterilizzazione lo riprenderemo in seguito, tanto non è selvatico, e comunque a Maria lo diciamo, il “controllo medico” sarà una scusa per le bambine per tenerlo di nuovo segregato un paio di giorni per l’intervento.

Cla.

… e non c’è verso di fargli ingoiare le pastiglie

12 maggio 2010

Il primo giorno è andata bene, il secondo già meno, oggi che è il terzo giorno Crodino delle pastiglie non ne ha più voluto sapere, né in gola, né sbriciolate, né siringate, niente di niente, e per dimostrarlo ha sfoderato le unghie… non è aggressivo, ma quando ti prende le mani e te le allontana con gli unghioni non si combatte alla pari!

Allora visto che di oggi non si può più fare niente, domani mattina lo porto dal veterinario e si parte con le iniezioni, sabato toccherà a Dana, lunedì di nuovo a me, mercoledì a lei, venerdì a me… e nel frattempo speriamo che migliori e si fa l’esame delle feci.

Cla.

Crodino si chiama Virgola

12 maggio 2010

Abbiamo scoperto che Crodino ha dei padroni… Dana era in casa con lui e lo ha sentito miagolare, poi ha fatto caso che lo faceva verso la porta, ma fin qui niente di strano, vorrà uscire, pensava lei…

Invece facendo attenzione ha sentito una voce che dall’altra parte degli orti chiamava “Virgolaaaa, Virgolaaaa…” e che lui rispondeva al richiamo.

Per cui sono andata a vedere chi era che chiamava, e ho spiegato loro la faccenda… loro non possono tenerlo in casa, quindi lo teniamo noi per curarlo, e nel frattempo (parlato con Maria, la madre delle bimbe che chiamavano) vediamo di fare due cose in una e di farlo anche sterilizzare dall’Enpa, visto che non sapendo che avesse dei padroni, già a novembre l’avevamo “schedato” come appartenente alla colonia.

Cla.

Dai, stappa un Crodino!

10 maggio 2010

E Crodino si è stappato da solo, visto che sono tre giorni che vomita e caga dappertutto! :(

Oltre a star male fa anche tenerezza… dopo aver fatto il guaio (gli scappa e appena si alza per andare nella cassetta non riesce a tenere), si vergogna e si va a nascondere…

Stamattina, visto che solo ieri abbiamo individuato il “colpevole” degli imbrattamenti, subito dal veterinario, diagnosi gastroenterite, e per certezza esame delle feci, risultato stasera o domani mattina.

Cure: il veterinario gli ha fatto due iniezioni, e per casa Isospen pastiglie (mezza al mattino e mezza alla sera), Stomorgyl pastiglie Stomorgyl pastiglie (una al mattino e una alla sera), e un siringone di fermenti in pasta Florentero da dare anche questa mattino e sera.

In macchina all’andata ha pianto per tutto il tragitto, e come l’ho tolto dal trasportino sul tavolo del veterinario mi ha letteralmente abbracciata e non mi voleva mollare… porello, non l’avevamo mai portato in giro, e non so se da dove arriva l’avessero mai fatto vedere da qualcuno o messo in un trasportino.

Appena di ritorno a casa, vai di pastiglie senza la minima storia, la pasta del siringone invece gli fa un po’ schifo e la sputa, mi sa che gli daremo dell’Enterogermina, che per lo meno essendo liquida gli va giù in automatico.

E anche a casa, fusa a tutto spiano e coccole a pancia all’aria e testate e leccatine e assaggio capelli e non mi voleva mollare… manco l’avessi salvato da chissà quale pericolo… era talmente in fermento che mi pareva Rufus… non è che ho sbagliato gatto? :)

Cla.

Addio, Nero

8 maggio 2010

Tanti spariscono, ad un certo punto non li vedi più e non sai che fine abbiano fatto, altri a volte tornano dopo giorni, o addirittura mesi che non si fanno vedere… tu invece hai finito la tua corsa vicino a casa, grazie alla tua fiducia nel mondo nonostante avessi avuto molte ragioni per diffidare…

Sei arrivato due anni fa già grande, di certo abbandonato forse per il tuo occhio rovinato, forte, prepotente, non hai mai smesso di marcare il territorio ovunque ti trovassi, e con il tuo gran senso della proprietà aggredivi tutti gli altri e difendevi la tua casa a suon di unghie e assalti.

Non sei mai riuscito a fare comunella con nessuno, ma con noi eri affettuoso e desideroso di coccole, quelle rudi, quelle da strapazzarti fino allo sfinimento, sbavando con la linguetta di fuori… hai superato quasi indenne influenze e virus e ferite da combattimento…

Era sempre un problema entrare in auto in cortile, nonostante le rumorose accelerate era una fatica farti star lontano dalla macchina, e appena vedevi una portiera aperta ti ci infilavi dentro e si doveva fare attenzione a non rinchiuderti o portarti via involontariamente… ma il tuo coraggio stanotte ti ha tradito, e ti ha fatto incontrare qualcuno che non ti ha visto, tu nero come la notte, e ti ha lasciato a bordo strada dove ti abbiamo trovato stamattina rigido e infangato…

Addio, Nero… salutaci chi per un motivo o per l’altro ti ha preceduto… Gizmo, Ciccio, Ciotta, Fred, Mascherina, Occhioni, Tina, Fifetta, Orsetta, Ellen… e tutti gli altri che non abbiamo conosciuto.

Cla.

Notizie di Alice

27 febbraio 2010

Ho telefonato al canile per avere sue notizie, dopo aver cercato un po’ in giro mi hanno dato il suo numero di bolletta (52) , e mi hanno detto che è in cura per otite, congiuntivite, rinite e altri problemi alle vie respiratorie.

La cosa positiva è che è risultata negativa ai test Fiv/Felv, e quindi è stata subito vaccinata.

Per quanto riguarda la sterilizzazione, la faranno alla fine delle cure, in questo momento è debilitata e sarebbe rischioso farle un’operazione… sperem… che per lo meno lo facciano in tempo…

Cla.

Veterinaria Enpa

25 febbraio 2010

Mi ha telefonato oggi, per presentarsi e fare due chiacchiere, dicendomi di aver ricevuto il fax dell’Ufficio Tutela Animali con l’inserimento della colonia nella loro lista.

Si chiama Scalafiotti, ed è la veterinaria che segue le colonie affiliate all’Enpa.

Da come mi ha parlato, esiste un di qua e un di là per quanto riguarda la gestione del canile e dell’Enpa, ovvero l’Enpa è al n. 8, e il canile e la sezione sanitaria sono al n. 11, in realtà dovrebbero ormai essere accorpati sotto la gestione dell’Enpa, ma a quanto pare esiste una certa rivalità/attrito tra le due entità, e noi siamo capitate proprio nel bel mezzo della diatriba :(

Le colonie al momento sono 59 (!) e lei è presente in Enpa dal lunedì al sabato dalle 13.30 alle 17.30 (orari in cui si possono “consegnare” gli animali per le cure), ma mi ha dato anche un numero di cellulare reperibile per le urgenze.

Alla prima occasione chiederemo come fare a “prendere appuntamento” per la cattura dei randagi… ora ci sono, domani no, appaiono e scompaiono senza orari fissi, metti la trappola per uno e quello sta alla larga mentre ce ne finiscono dentro dieci di quelli che dovrebbero starne fuori…

Mi ha chiesto quanti sono i gatti della colonia (una ventina) e quanti sono ancora da sterilizzare (cinque o sei), le ho spiegato la nostra situazione in cui ormai la cura di tutti questi gatti è diventata insostenibile, e le ho anche chiesto che tipo di assistenza è prevista.

Il “progetto” prevede sterilizzazione con taglio della punta dell’orecchio, ed inserimento microchip della colonia di appartenenza, prima vaccinazione e antiparassitario, oltre alle cure sanitarie in caso di malattie.

Ho chiesto se era prevista la continuazione della profilassi antiparassitaria… Frontline e Stronghold e Profender sono un salasso, e ormai la stagione delle zecche con l’aumentare della temperatura è diventata lunga, si va da aprile ad ottobre avanzato… ma purtroppo questo non è previsto… :(

Sono rimasta d’accordo che cercheremo di prendere Visopallido a breve (l’unica femmina rimasta da sterilizzare, ma adulta e molto selvatica), e poi per i maschi vedremo con calma visto che ormai il periodo del calore per un po’ dovrebbe essere finito.

Cla.

Alice catturata

18 febbraio 2010

Stasera mi telefona Dana mentre sto per passare dal veterinario, e mi dice di andare subito a casa che Alice è nel magazzino, e pare non stia bene, per cui… è acchiappabile… e visto che solo domenica era attorniata da un tot di baldi maschiotti e sventolava la coda davanti a tutti, acchiapparla non sarebbe male.

Arrivata a casa, solito metodo, già sperimentato con Trichi… Dana dentro il magazzino che cerca di prenderla, e io fuori con la trappola appostata subito dietro la gattaiola, per cui visto che Alice è ancora vispa abbastanza da scappare, si infila al volo nella trappola.

Il musetto è tutto impiastrato di muco, quasi com’era Tigre… gli occhi sono mogi…

Portata alla sezione sanitaria del canile, dopo una strenua battaglia su questioni burocratiche la tengono, e solo in questo momento sappiamo che in realtà la lettera che ci è arrivata dall’Ufficio Tutela Animali a dicembre non era la conclusione, ma più o meno solo un punto di passaggio del loro iter… certo che sarebbe meglio che le comunicazioni le mandassero a giochi fermi e quando tutti i loro giri sono stati fatti…

Comunque ora Alice è là… ma non abbiamo intenzione di lasciargliela a languire in cattività, come pare stia facendo Tigre (da loro ribattezzato Prince), quando starà bene ce la riprendiamo, o meglio… dicono che ci avviseranno e saranno loro a riportarla.

Cla.

Rilexine

26 dicembre 2009

A quanto pare è appetibile per davvero, visto che Nero pur essendo sbavante ed avendo male in bocca, si mangia le pastiglie da solo, basta mettergliele davanti e lui se le prende… :)

Cla


Per non farci mancare niente, facciamo quattro…

21 maggio 2010

Ecco, possiamo dire che per ora siamo al completo?

Oggi ultima puntura per Crodino, per Husky si va di Bimixin mattino e sera per cinque giorni invece di tre, dato che un giorno non si è presentato all’appello e ha saltato la dose, per Grisù un quarto di pastiglia di Plasil mattino e sera per tre giorni, e il veterinario dice di tenerlo in casa perchè il Plasil sui gatti fa effetto droga, e potrebbe essere un po’ strano…

Il grosso problema in questi casi è che si dovrebbero isolare uno dall’altro per vedere chi ha la nausea, chi è che vomita, chi è che caga e come la fa… ma come si fa avendo una sola casa a disposizione (se io non sono presente la mia è impensabile con tutti quei cavi e i computer, si rischia che mi distruggono tutto e si distruggono loro…), come caspita si fa se non si decidono a star male uno per volta?

Stamattina grande e penosa coda dal veterinario… operazione di sterilizzazione di una cagnetta in corso, vari gatti con altrettanto vari accidenti, entra un pastore tedesco trascinato perchè non sta più in piedi, se la fa addosso e non è più in grado di vivere decentemente in modo autosufficiente, e ne esce solo il padrone piangendo, poi arrivano quelli del cassone e si portano via il cane…

Fatta iniezione a Crodino, e per buona misura anche una a Grisù… ora che passo dalla mia dottoressa, faccio benzina e vado in farmacia si fa mezzogiorno, per cui avviso in teatro che per oggi non vado (ho appuntamento più tardi dal dentista), e arrivata a casa mi metto a far giocare Husky col suo cordino in cortile, e intanto continuo a chiamare Piumina, che contrariamente alle sue abitudini ieri sera non si è fatta vedere, né stamattina, né prima che andassi via.

Dopo un po’ la vedo arrivare, tutta piena di foglie secche e bruscolini, ma fin qui tutto normale per la soprannominata “Patty” (pattumiera) che si rotola ovunque e raccatta qualsiasi cosa con il suo pelo lungo… ma arriva lentissimamente, e anche se la guardo e la chiamo di nuovo non aumenta l’andatura ed è visibilmente abbacchiata.

Appena mi arriva vicino la prendo in braccio, lei si accuccia e appena le tocco la pancia si lamenta e intanto lascia andare una pozzetta di pipì e sangue… messa subito in garage dove lei si infila in una cesta, poi traslocato cesta in casa e messo coperta perchè non vada in ipotermia, intanto rimando gli altri impegni a parte il dentista e telefono al veterinario e a Dana.

Il veterinario in pausa pranzo è fuori Torino, e va bene se apre come di norma alle quattro e mezza, Dana fa quel che può per venire a casa a prendere Piumi e portarla in ambulatorio, nel frattempo Piumi non è del tutto apatica, dopo un po’ di carezze scodinzola come suo solito (no, non è un cane, ma lei fa così), le viene lo stimolo e si alza per andare nella cassettina, ma lì fa poche gocce sanguinanti… vediamo cosa dice il veterinario, le sue prime ipotesi al telefono sono di cistite emorragica o trauma alla vescica… :( :(

Cla.

Non c’è l’uno senza il due, e pure il tre

17 maggio 2010

Visto che le disgrazie non vengono mai sole, a Crodino si è aggiunto Husky a fare il cagone, e Grisù con il vomito… così portato ad esaminare anche le feci di Husky, e portato Grisù a bucare…

Husky a parte il cagotto pare star bene, gioca ci e stressa con il cordino, mentre Grisù è mogio mogio.

Dall’esame iniziale delle feci non è apparso nulla, quindi il veterinario dice che si dovrà passare ad una “coprocoltura”, una coltura di merda, insomma… e ci vogliono almeno tre giorni per sapere qualcosa.

Intanto si sono fatte sentire le padrone di Crodino/Virgola, logicamente pur avendolo visto dimagrire non capiscono che un gatto possa avere problemi del genere, e sembrano perplesse riguardo al fatto che lo stiamo “tenendo” noi, addirittura le bambine hanno paura che non glielo restituiamo più… come si fa a farle entrare nell’ordine di idee, che se non lo teniamo rinchiuso in casa non possiamo tenerlo sotto controllo e neppure fare la cura regolare come invece si deve fare?

Per ora continuiamo a tenerlo segregato, speriamo che entro questa settimana si risolva.

Tra l’altro, Dana aveva parlato con la veterinaria dell’Enpa per la sterilizzazione, che prima non aveva posto, e comunque essendo “malato” non poteva fare nessun intervento, poi il posto ce l’aveva ma comunque è ancora malato, e andare oltre non possiamo per non far dubitare di chissà cosa le padrone :(

Vuol dire che glielo restituiremo appena possibile, e per la sterilizzazione lo riprenderemo in seguito, tanto non è selvatico, e comunque a Maria lo diciamo, il “controllo medico” sarà una scusa per le bambine per tenerlo di nuovo segregato un paio di giorni per l’intervento.

Cla.

… e non c’è verso di fargli ingoiare le pastiglie

12 maggio 2010

Il primo giorno è andata bene, il secondo già meno, oggi che è il terzo giorno Crodino delle pastiglie non ne ha più voluto sapere, né in gola, né sbriciolate, né siringate, niente di niente, e per dimostrarlo ha sfoderato le unghie… non è aggressivo, ma quando ti prende le mani e te le allontana con gli unghioni non si combatte alla pari!

Allora visto che di oggi non si può più fare niente, domani mattina lo porto dal veterinario e si parte con le iniezioni, sabato toccherà a Dana, lunedì di nuovo a me, mercoledì a lei, venerdì a me… e nel frattempo speriamo che migliori e si fa l’esame delle feci.

Cla.

Crodino si chiama Virgola

12 maggio 2010

Abbiamo scoperto che Crodino ha dei padroni… Dana era in casa con lui e lo ha sentito miagolare, poi ha fatto caso che lo faceva verso la porta, ma fin qui niente di strano, vorrà uscire, pensava lei…

Invece facendo attenzione ha sentito una voce che dall’altra parte degli orti chiamava “Virgolaaaa, Virgolaaaa…” e che lui rispondeva al richiamo.

Per cui sono andata a vedere chi era che chiamava, e ho spiegato loro la faccenda… loro non possono tenerlo in casa, quindi lo teniamo noi per curarlo, e nel frattempo (parlato con Maria, la madre delle bimbe che chiamavano) vediamo di fare due cose in una e di farlo anche sterilizzare dall’Enpa, visto che non sapendo che avesse dei padroni, già a novembre l’avevamo “schedato” come appartenente alla colonia.

Cla.

Dai, stappa un Crodino!

10 maggio 2010

E Crodino si è stappato da solo, visto che sono tre giorni che vomita e caga dappertutto! :(

Oltre a star male fa anche tenerezza… dopo aver fatto il guaio (gli scappa e appena si alza per andare nella cassetta non riesce a tenere), si vergogna e si va a nascondere…

Stamattina, visto che solo ieri abbiamo individuato il “colpevole” degli imbrattamenti, subito dal veterinario, diagnosi gastroenterite, e per certezza esame delle feci, risultato stasera o domani mattina.

Cure: il veterinario gli ha fatto due iniezioni, e per casa Isospen pastiglie (mezza al mattino e mezza alla sera), Stomorgyl pastiglie Stomorgyl pastiglie (una al mattino e una alla sera), e un siringone di fermenti in pasta Florentero da dare anche questa mattino e sera.

In macchina all’andata ha pianto per tutto il tragitto, e come l’ho tolto dal trasportino sul tavolo del veterinario mi ha letteralmente abbracciata e non mi voleva mollare… porello, non l’avevamo mai portato in giro, e non so se da dove arriva l’avessero mai fatto vedere da qualcuno o messo in un trasportino.

Appena di ritorno a casa, vai di pastiglie senza la minima storia, la pasta del siringone invece gli fa un po’ schifo e la sputa, mi sa che gli daremo dell’Enterogermina, che per lo meno essendo liquida gli va giù in automatico.

E anche a casa, fusa a tutto spiano e coccole a pancia all’aria e testate e leccatine e assaggio capelli e non mi voleva mollare… manco l’avessi salvato da chissà quale pericolo… era talmente in fermento che mi pareva Rufus… non è che ho sbagliato gatto? :)

Cla.

Addio, Nero

8 maggio 2010

Tanti spariscono, ad un certo punto non li vedi più e non sai che fine abbiano fatto, altri a volte tornano dopo giorni, o addirittura mesi che non si fanno vedere… tu invece hai finito la tua corsa vicino a casa, grazie alla tua fiducia nel mondo nonostante avessi avuto molte ragioni per diffidare…

Sei arrivato due anni fa già grande, di certo abbandonato forse per il tuo occhio rovinato, forte, prepotente, non hai mai smesso di marcare il territorio ovunque ti trovassi, e con il tuo gran senso della proprietà aggredivi tutti gli altri e difendevi la tua casa a suon di unghie e assalti.

Non sei mai riuscito a fare comunella con nessuno, ma con noi eri affettuoso e desideroso di coccole, quelle rudi, quelle da strapazzarti fino allo sfinimento, sbavando con la linguetta di fuori… hai superato quasi indenne influenze e virus e ferite da combattimento…

Era sempre un problema entrare in auto in cortile, nonostante le rumorose accelerate era una fatica farti star lontano dalla macchina, e appena vedevi una portiera aperta ti ci infilavi dentro e si doveva fare attenzione a non rinchiuderti o portarti via involontariamente… ma il tuo coraggio stanotte ti ha tradito, e ti ha fatto incontrare qualcuno che non ti ha visto, tu nero come la notte, e ti ha lasciato a bordo strada dove ti abbiamo trovato stamattina rigido e infangato…

Addio, Nero… salutaci chi per un motivo o per l’altro ti ha preceduto… Gizmo, Ciccio, Ciotta, Fred, Mascherina, Occhioni, Tina, Fifetta, Orsetta, Ellen… e tutti gli altri che non abbiamo conosciuto.

Cla.

Notizie di Alice

27 febbraio 2010

Ho telefonato al canile per avere sue notizie, dopo aver cercato un po’ in giro mi hanno dato il suo numero di bolletta (52) , e mi hanno detto che è in cura per otite, congiuntivite, rinite e altri problemi alle vie respiratorie.

La cosa positiva è che è risultata negativa ai test Fiv/Felv, e quindi è stata subito vaccinata.

Per quanto riguarda la sterilizzazione, la faranno alla fine delle cure, in questo momento è debilitata e sarebbe rischioso farle un’operazione… sperem… che per lo meno lo facciano in tempo…

Cla.

Veterinaria Enpa

25 febbraio 2010

Mi ha telefonato oggi, per presentarsi e fare due chiacchiere, dicendomi di aver ricevuto il fax dell’Ufficio Tutela Animali con l’inserimento della colonia nella loro lista.

Si chiama Scalafiotti, ed è la veterinaria che segue le colonie affiliate all’Enpa.

Da come mi ha parlato, esiste un di qua e un di là per quanto riguarda la gestione del canile e dell’Enpa, ovvero l’Enpa è al n. 8, e il canile e la sezione sanitaria sono al n. 11, in realtà dovrebbero ormai essere accorpati sotto la gestione dell’Enpa, ma a quanto pare esiste una certa rivalità/attrito tra le due entità, e noi siamo capitate proprio nel bel mezzo della diatriba :(

Le colonie al momento sono 59 (!) e lei è presente in Enpa dal lunedì al sabato dalle 13.30 alle 17.30 (orari in cui si possono “consegnare” gli animali per le cure), ma mi ha dato anche un numero di cellulare reperibile per le urgenze.

Alla prima occasione chiederemo come fare a “prendere appuntamento” per la cattura dei randagi… ora ci sono, domani no, appaiono e scompaiono senza orari fissi, metti la trappola per uno e quello sta alla larga mentre ce ne finiscono dentro dieci di quelli che dovrebbero starne fuori…

Mi ha chiesto quanti sono i gatti della colonia (una ventina) e quanti sono ancora da sterilizzare (cinque o sei), le ho spiegato la nostra situazione in cui ormai la cura di tutti questi gatti è diventata insostenibile, e le ho anche chiesto che tipo di assistenza è prevista.

Il “progetto” prevede sterilizzazione con taglio della punta dell’orecchio, ed inserimento microchip della colonia di appartenenza, prima vaccinazione e antiparassitario, oltre alle cure sanitarie in caso di malattie.

Ho chiesto se era prevista la continuazione della profilassi antiparassitaria… Frontline e Stronghold e Profender sono un salasso, e ormai la stagione delle zecche con l’aumentare della temperatura è diventata lunga, si va da aprile ad ottobre avanzato… ma purtroppo questo non è previsto… :(

Sono rimasta d’accordo che cercheremo di prendere Visopallido a breve (l’unica femmina rimasta da sterilizzare, ma adulta e molto selvatica), e poi per i maschi vedremo con calma visto che ormai il periodo del calore per un po’ dovrebbe essere finito.

Cla.

Alice catturata

18 febbraio 2010

Stasera mi telefona Dana mentre sto per passare dal veterinario, e mi dice di andare subito a casa che Alice è nel magazzino, e pare non stia bene, per cui… è acchiappabile… e visto che solo domenica era attorniata da un tot di baldi maschiotti e sventolava la coda davanti a tutti, acchiapparla non sarebbe male.

Arrivata a casa, solito metodo, già sperimentato con Trichi… Dana dentro il magazzino che cerca di prenderla, e io fuori con la trappola appostata subito dietro la gattaiola, per cui visto che Alice è ancora vispa abbastanza da scappare, si infila al volo nella trappola.

Il musetto è tutto impiastrato di muco, quasi com’era Tigre… gli occhi sono mogi…

Portata alla sezione sanitaria del canile, dopo una strenua battaglia su questioni burocratiche la tengono, e solo in questo momento sappiamo che in realtà la lettera che ci è arrivata dall’Ufficio Tutela Animali a dicembre non era la conclusione, ma più o meno solo un punto di passaggio del loro iter… certo che sarebbe meglio che le comunicazioni le mandassero a giochi fermi e quando tutti i loro giri sono stati fatti…

Comunque ora Alice è là… ma non abbiamo intenzione di lasciargliela a languire in cattività, come pare stia facendo Tigre (da loro ribattezzato Prince), quando starà bene ce la riprendiamo, o meglio… dicono che ci avviseranno e saranno loro a riportarla.

Cla.

Rilexine

26 dicembre 2009

A quanto pare è appetibile per davvero, visto che Nero pur essendo sbavante ed avendo male in bocca, si mangia le pastiglie da solo, basta mettergliele davanti e lui se le prende… :)

Cla